Logo UNISA

Home

  • Mostre, Spettacoli e Festival

    MARE NOSTRUM

    Giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Venerdì 10 novembre, alle ore 11.00, il Teatro di Ateneo ospiterà la performance "Mare Nostrum", lo studio collettivo delle allieve del Laboratorio di Espressione Teatrale, con la regia di Francesco Campanile.

L'appuntamento si inserisce nell'ambito del Ciclo di incontri promosso in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne e curato dall' Osservatorio Interdipartimentale per gli studi di Genere e le Pari Opportunità - OGEPO, con il supporto del Laboratorio di studi di Genere - GenderLab del DIPSUM, in collaborazione con la Società delle Storiche SIS e con il patrocinio di Comitato Unico di Garanzia CUG-UNISAE LA Commissione Pari Opportunità del Comune di Vietri sul Mare.

Sono intense le immagini che in questi giorni hanno riguardato lo sbarco dei migranti al porto di Salerno. A bordo della nave spagnola Cantabria, giunta al molo lo scorso 5 novembre, ci sono 26 cadaveri di donne, morte durante la traversata. Immagini terribili che richiedono un'attenta riflessione. Non soltanto una giusta commozione ma una discussione approfondita in cui coinvolgere soprattutto gli studenti, le nuove generazioni. Un'occasione per riflettere sulla dimensione dell'accoglienza e per far conoscere più da vicino il fenomeno migratorio. "Compito dell'Università è formare menti libere da pregiudizi e aperte all'Altro, alla novità, a ciò che può provocare cambiamento - dichiara la prof.ssa Maria Rosaria Pelizzari - L'Ogepo, all'interno del Seminario La Violenza Spiegata invita gli studenti e i docenti, i Direttori Didattici e i Docenti delle Scuole di Salerno e provincia a partecipare alla visione di uno spettacolo originale e suggestivo, ospitato presso il nel Teatro di Ateneo".

Al termine della perforamance seguirà il dibattito, coordinato da Cristina Pastore, teso a stimolare un confronto collettivo tra docenti, studenti e giornalisti.


SINOSSI

MARE NOSTRUM, con la regia di Francesco Campanile, è un'opera/studio collettivo, nata dalle ricerche delle allieve del Laboratorio di Espressione Teatrale sulla condizione della donna extracomunitaria, coordinate dalla regia di Campanile; il set è composto da sei studentesse, di età compresa tra i 15 e i 18 anni, che si calano nei panni di altrettante giovani donne di religione islamica che scappano dal loro paese inseguendo il sogno di una vita migliore. L'idea nasce dalla lettura di OCEANO MARE di Alessandro Baricco, rivisitato e adattato con brani originali attraverso un progetto di creazione comune del regista e delle ragazze. Ed è proprio questa l'originalità del lavoro, in cui il giovane regista ha sperimentato una forma nuova di produzione teatrale, lasciando costruire la storia alle attrici dilettanti, attraverso un intenso percorso comune di studio e conoscenza della condizione delle donne nei paesi islamici, collocato nel contesto storico e contemporaneo del Medio Oriente.

Le ragazze stesse hanno costruito il proprio personaggio, esprimendo 'quellè sofferenze immaginate che diventano le proprie, accogliendo quelle sciagure tra le sofferenze e i desideri delle adolescenti di qualunque posto del mondo. Lo spettacolo disegna l'orrore vissuto e la fame di vita nuova delle giovani a cui l'opera si ispira. Incatenate alle proprie tradizioni, alle quali sono sottomesse e condannate, in fuga verso la possibilità di una nuova terra che sappia accoglierle e abbracciarle. In mezzo, il mare, che tutto inghiotte e sputa corpi riconsegnandoli alla storia.Viene fuori un quadro immaginario di una realtà 'altra', una storia inventata ma 'interamente vissutà attraverso gli occhi di sei ragazze italiane.

MARE NOSTRUM ha il patrocinio della Delegata del Rettore alle Pari Opportunità e della Delegata del Rettore alle Arti e Spettacolo. Si prevedono i saluti istituzionali, una introduzione dello stesso Regista e il dibattito finale con le protagoniste, gli studenti e le studentesse, i docenti presenti.


NOTE DI REGIA

Il lavoro, svolto all’interno del Laboratorio di espressione teatrale diretto da Francesco Campanile a Vietri sul Mare, è il prodotto di una riflessione sul tema del viaggio. Chi sono i viaggiatori in fuga oggi, da dove vengono, dove vanno? Muovendo da alcuni quesiti, le giovanissime allieve si sono interrogate sul viaggio dei migranti dando vita a parole raccolte durante esercizi e improvvisazioni, trasformandole in azioni sceniche e partiture di movimenti. Lo studio del romanzo “Oceano mare” di Alessandro Baricco è stato il punto di partenza per dare avvio alla scrittura di monologhi e dialoghi che animano lo spettacolo.

IL LABORATORIO

Teatri di Carta è una compagnia di produzione, formazione e promozione teatrale. E’ attiva nel campo della pedagogia attraverso progetti di educazione alla teatralità presso gli istituti scolastici campani. Nella stagione teatrale 2016/17 ha realizzato lo spettacolo per ragazzi Io sono Malala, che ha toccato 21 città italiane.

FRANCESCO CAMPANILE - attore, regista, formatore

Attore e operatore dello spettacolo e della comunicazione sociale, si forma presso l’Università popolare dello spettacolo perfezionandosi con alcuni dei maggiori esponenti della scena teatrale, come Michael Margotta, Cesar Brie e Alessandro Serra. Debutta giovanissimo con Peppe Barra, proseguendo il suo percorso di attore in numerose produzioni. E’ doppiatore di documentari per la RAI e lavora come formatore presso la Scuola di Cinema La Ribalta. E’ docente del progetto di ricerca Trame, in collaborazione con il CNR, e co-autore e regista dello spettacolo per ragazzi Io sono Malala.

COMUNICAZIONE

Si confida nella sensibilità dei Dirigenti Scolastici perché agevolino la partecipazione di studenti e studentesse al laboratorio-spettacolo con l'obiettivo di diffondere, sia tra le giovani donne che tra i giovani uomini, la sensibilità culturale contro ogni forma di violenza e di discriminazione, nonché l'educazione ai sentimenti e l'abbattimento di stereotipi e pregiudizi.

Per informazioni e prenotazioni scrivere a

Ogepo: ogepo@unisa.it; GenderLab: genderlab@unisa.it

Tel: 089 964426; 089 962424; 380 9033357; 3207406486.

Locandina

Maggiori informazioni

  • Home