Ricerca UNISA | Uno studio del Dipartimento di Ingegneria Civile annoverato nei Research Highlights di "Nature"

Premi e riconoscimenti Ricerca UNISA | Uno studio del Dipartimento di Ingegneria Civile annoverato nei Research Highlights di "Nature"

Un articolo pubblicato di recente da diversi componenti del Dipartimento di ingegneria Civile (DIciv) dell’Università di Salerno (Fernando Fraternali, Narinder Singh, Ada Amendola), in collaborazione con ricercatori della University of California San Diego (Gianmario Benzoni, attualmente titolare di un assegno di ricerca presso il Diciv) e della University of Utah (Graeme Milton, che di recente ha visitato la nostra Università) è stato comunicato nei Research Highlights della prestigiosa rivista Nature (link all’articolo di Nature).

La ricerca presentata descrive un nuovo tipo di isolatore sismico sviluppato dal gruppo di ricerca proponente, che imita la meccanica del corpo umano e che può essere assemblato in un fabrication lab impiegando componenti stampati in 3D e parti metalliche. I prototipi analizzati sono stati realizzati presso il Laboratorio di Prototipazione Rapida del Dipartimento.

L’articolo integrale è disponibile al seguente link.

Il testo dell’articolo pubblicato su Nature è riportato anche di seguito.


A device inspired by human arms and legs could help to reduce how much a building shakes during an earthquake.

Seismic isolators are placed between a structure and its foundations to protect against shaking ground. They are already widely used, but are generally expensive and difficult to install.

Fernando Fraternali at the University of Salerno in Italy and his colleagues took a different approach. Their prototype consists of four ‘limbs’ with joints that connect a central post to the four corners of a plate. The post rests on a slippery circular disk called a slider and is connected to the ends of the limbs by stretchable ‘tendons’ made of thermoplastic polyurethane.

When the researchers moved the post from its central position, friction and the restorative nature of the tendons dampened its motion. The device, which can be built using 3D-printed components and other common tools and metallic parts, could make it easier and cheaper to protect structures from earthquakes. The tendons’ size and composition can be changed, which could make them more tuneable than the rubber bearings used in many conventional seismic isolators, the scientists say.


Pubblicato il 30 Dicembre 2021

  • Home